Panificio Pasticceria Muti e Lupi, una lunga storia
E-mail Print
There are no translations available.

  • Azienda Muti e Lupi
  • Azienda Muti e Lupi
  • Azienda Muti e Lupi
  • Azienda Muti e Lupi
  • Azienda Muti e Lupi
  • Azienda Muti e Lupi
  • Azienda Muti e Lupi

La fama del Panificio di Via Palestro ha origini lontane. Quando, nel 1882, dalla scissione della Piaggia da Rio nell’Elba nacque il Comune di Rio Marina, il forno situato nel cuore del borgo, a due passi dal porto, produceva già il pane e forniva la farina per il fabbisogno di tutta l’isola e dei bastimenti di passaggio.

Il primo, storico fornaio fu Dante Pagnini, alfiere della tradizione panificatoria locale.

All’inizio degli anni Settanta del Novecento, nello stessa antica sede, il testimone è passato nelle mani di Giampiero Muti, fondatore dell’attuale azienda a carattere familiare che ha fatto della ricerca e riproposizione di antiche ricette riesi la propria missione.

I 40 anni del Panificio Pasticceria Muti e Lupi sono stati coronati da numerosi attestati di riconoscimento alla passione, l’impegno, la genuinità e l’eccellenza profusi.

La schiaccia briaca Muti e Lupi, in particolare, è stata scelta a rappresentare la provincia di Livorno alla Fiera Gastronomica di Firenze del 1972, alla Fiera Gastronomica Nazionale di Saint Vincent del 1973 e nelle recenti edizioni del Salone del Gusto di Torino.

Ultima in ordine di tempo la medaglia d’oro conquistata nel 2010 all’«Olimpiade dei Sapori dei Parchi» di Rispescia, confronto tra le specialità enogastronomiche delle aree protette d’Italia.